Logo per la stampa

Provincia Autonoma di Trento - Comunità di Valle

 
 
 
 
 
 
 Home  Comunità di Valle
Primo Piano: ELEZIONI 2015
Notizie
  • 19/04/2019
    Ciclovia del Garda: approvato nuovo Protocollo d'intesa
    Ciclovia del Garda. nuovo capitolo del percorso che porterà alla realizzazione di questa spettacolare infrastruttura attorno al più grande lago d'Italia, una dorsale cicloturistica interregionale di circa 140 chilometri, distribuiti fra Trentino, Veneto e Lombardia. Oggi la Giunta ha approvato il testo del nuovo Protocollo d?intesa fra la Provincia autonoma di Trento, soggetto capofila, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, la Regione Veneto e la Regione Lombardia, che sostituisce l?analogo Protocollo dell'agosto 2017. Il nuovo Protocollo recepisce il contenuto del decreto ministeriale del 29 novembre 2018 relativo ad una prima ripartizione delle risorse finanziarie statali per la realizzazione dell?intervento. Successivamente alla firma il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti erogherà quindi la prima tranche del finanziamento per la realizzazione del Progetto di Fattibilità tecnica ed economica dell?intero tracciato, circa 1,6 milioni di euro, che saranno ripartiti tra le Regioni interessate secondo accordi successivi tra le parti e secondo le rispettive esigenze. Il Protocollo stabilisce inoltre che ad approvazione, da parte del Ministero, del Progetto di Fattibilità, sarà erogata la seconda tranche di finanziamento per ulteriori 15, milioni circa, anche questi da ripartire fra Trentino, Veneto e Lombardia. Le risorse contribuiranno a finanziare i lotti funzionali prioritari, fermo restando che lo Stato provvederà con successivi decreti a ripartire le ulteriori risorse alle annualità 2020-2024.
     
  • 19/04/2019
    ?Lavoro ed ambiente sono fattori vitali per lo sviluppo della montagna?
    La suggestiva cornice di Forte delle Benne, a Levico Terme, ha ospitato nella serata di ieri il secondo incontro del ciclo che la giunta provinciale ha programmato sul territorio, nell?ambito degli Stati generali della montagna. Un centinaio tra amministratori, esponenti della società civile e del comparto economico, si sono confrontati sui temi delle professioni di montagna e sulla gestione delle risorse naturali (acqua, aria ed energia), con il presidente della Provincia autonoma di Trento, gli assessori provinciali all?artigianato e all?ambiente. Dai portatori di interessi, rappresentanti dei gruppi di lavori creati nei 15 ambiti del Trentino, sono arrivate sollecitazioni anche sui temi più attuali della Valsugana. Ma non solo. Tra questi rientrano lo sviluppo termale, la viabilità e i trasporti, il turismo e la filiera da costruire con artigianato e commercio, la riforma delle Comunità e il nuovo ruolo dei Comuni. ?Il Trentino - ha sottolineato il presidente - ha una grande fortuna: il presidio dei territorio vede nella cooperazione il partner di riferimento perché già opera sul territorio con servizi primari. Il nostro compito è di coinvolgerla in maniera attiva, e di affiancare il terzo soggetto, ovvero i privati. Sono queste due realtà che posso garantire ai territori lo sviluppo dei prossimi anni?.
     
  • 16/04/2019
    Stati generali della montagna, giovedì a Levico Terme la seconda uscita della giunta
    Le professioni della montagna e la gestione delle risorse ambientali (acqua, energia e aria) sono i temi del secondo incontro sul territorio programmato dalla giunta provinciale nell?ambito delle iniziative degli Stati generali della montagna. L?incontro è previsto giovedì 18 aprile, con inizio alle ore 19.30, al Forte delle Benne, nel Comune di Levico Terme. La serata vedrà la partecipazione del presidente della Provincia autonoma di Trento, e di due assessori provinciali: Turismo e Artigianato, Urbanistica e Ambiente. Le uscite dell?esecutivo provinciali affiancano l?attività preparatoria degli Stati generali della montagna svolta dai gruppi di lavoro nei 15 diversi territori del Trentino. Il progetto intende - grazie al coinvolgimento della popolazione, attraverso i portatori di interesse di tutte le diverse realtà territoriali - raccogliere dal basso le istanze e le proposte che formeranno l?agenda degli Stati generali della montagna, previsti a giugno a Comano Terme.
     
  • 13/04/2019
    ?Gli Stati generali della montagna ridisegneranno il Trentino?
    Casa Sebastiano ha aperto ieri sera a Coredo, in Val di Non, il ciclo di incontri pubblici della giunta provinciale in vista degli Stati generali della montagna. Il presidente della Provincia autonoma di Trento e due assessore (Sanità e Agricoltura) hanno incontrato i portatori di interessi e cittadini su due temi: agricoltura e sostenibilità, disabilità e politiche sociali. ?Gli Stati generali della montagna - come hanno sottolineato i rappresentanti della giunta provinciale - vogliono provare a interpretare alcune delle esigenze delle persone e dei diversi territori. Abbiamo scelto il metodo partecipato perché vogliamo raccogliere dal basso le istanze dei cittadini che con le loro proposte concorreranno a ridisegnare la montagna e, più in generale, il Trentino?. In tema di agricoltura, l?assessora provinciale ha confermato l?esigenza di investire in innovazione e giovani, aumentando la capacità delle aziende agricole trentine di fare impresa, puntando su competitività e redditività. Dal pubblico e dai portatori di interesse è arrivata la richiesta di rafforzare il marchio territoriale per prodotti trentini e la filiera verso il commercio e il turismo. Le politiche sociali, invece, continueranno ad essere una priorità in termini di servizi. L?assessora ha insistito sulla necessità di garantire alla periferia lo stesso livello e la stessa qualità di assistenza delle zone urbane e le città. Disabilità e partenariato pubblico e privato sono stati gli altri temi di discussione. Il prossimo incontro sarà a Levico Terme, al Forte delle Benne, con altri due componenti di giunta: l?assessore al turismo e artigianato, e l?assessore all?urbanistica, ambiente e cooperazione. L?appuntamento è per giovedì, 18 aprile, alle ore 19.30
     
  • 12/04/2019
    Banda ultra larga, via libera alla convenzione con Infratel e alla nomina del Comitato di monitoraggio
    La giunta provinciale ha approvato stamani due delibere sulla Banda ultra larga in Trentino. La prima riguarda lo schema di convenzione tra Provincia autonoma di Trento e Infratel Italia per la realizzazione delle infrastrutture e la gestione dei cantieri sul territorio provinciale, mentre la seconda nomina i sei membri del Comitato di coordinamento e di monitoraggio che sovrintenderà il rispetto delle tempistiche e le modalità esecutive del progetto Banda ultra larga in Trentino.
     
 
 
 
credits | note legali | Intranet | scrivi al gruppo web | Cookie Policy