Logo per la stampa

Provincia Autonoma di Trento - Comunità di Valle

 
 
 
 
 
 
 Home  Comunità di Valle
Primo Piano: ELEZIONI 2015
Notizie
  • 07/09/2019
    Dimaro-Folgarida, al via la riqualificazione dell?area lungo l?asta del Meledrio
    Un nuovo progetto urbanistico e turistico, con valenza di valle e provinciale e che riguarda un?area di interesse sovracomunale, è stato l?oggetto di un incontro ieri pomeriggio nella sala del Consiglio del comune di Dimaro-Folgarida, al quale hanno partecipato, fra gli altri, il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti e i dirigenti provinciali Raffaele De Col, responsabile dell?Unità di missione strategica grandi opere e ricostruzione e Giovanni Gardelli, responsabile dell?Unità di missione strategica coordinamento enti locali, politiche territoriali e della montagna. L?incontro, presieduto dal sindaco Andrea Lazzaroni, ha fatto il punto sui progetti di riqualificazione dell?area lungo l?asta del Meledrio, nei pressi del centro sportivo di Dimaro/Carciato, che interesseranno per i prossimi 3-4 anni una zona di circa 20 mila metri quadri e che riguardano anche i territori confinanti di Madonna di Campiglio e di Commezzadura data la funzione catalizzatrice dell?area coinvolta. A monte del progetto, infatti, si prevede la nuova piazza Belvedere in direzione Folgarida; a valle, un futuro raccordo con la ciclabile Cles-Mostizzolo. Cardine della riqualificazione è un nuovo parco urbano, che ospiterà anche un bike park dotato di pista pump track, pump track per bambini e jump line e pensato in accordo fra Comune, Asuc e Funivie Folgarida-Marilleva. Nella stessa località sorgerà la nuova scuola primaria e una nuova palestra con oltre 90 posti a sedere. ?Una strada maestra per rilanciare il nostro territorio? ha commentato il sindaco Lazzaroni spiegando il progetto complessivo al presidente Fugatti, che lo ha esaminato con interesse. Nel corso del mese di settembre lo stesso progetto sarà presentato dettagliatamente in Consiglio comunale a Dimaro.
     
  • 03/09/2019
    Al via la rassegna ?Generazioni?. Dieci appuntamenti per parlare di protagonismo giovanile e dialogo intergenerazionale
    È stata presentata questo pomeriggio al Centro Trevi di Bolzano la prima edizione di ?Generazioni?, la rassegna di eventi organizzata dalle cooperative sociali Young Inside e Inside con il sostegno delle Province autonome di Bolzano e Trento e della Regione Trentino ? Alto Adige/Südtirol. Tanti gli appuntamenti che animeranno il territorio regionale da settembre a novembre: si comincia venerdì prossimo con un evento in piazza Don Bosco a Bolzano, per proseguire il 13 a Trento e tornare il 20 nel capoluogo altoatesino. E poi ancora Laives, Arco, Bressanone, Cles, di nuovo Bolzano, Borgo Valsugana e Pieve di Bono-Prezzo. Fra gli ospiti alcuni nomi di primo piano della cultura, della musica e dello spettacolo: Domenico Iannacone, Francesco Erbani, Benedetta Tobagi, Pupi Avati, Federica Cacciola (meglio conosciuta come Martina Dell?Ombra), Riccardo Pittis, Paola Zukar, Francesco Vidotto, Stefano Mancuso, Fabio Viola, Federico Fubini, Alessandro Campagna e tanti altri
     
  • 14/08/2019
    Inaugurato un nuovo tratto della pista ciclopedonale Fondo-Mendola
    Rappresentanti istituzionali, cittadini e famiglie, turisti o semplici appassionati: erano davvero numerosi questa mattina sul valico al confine fra le due Province del Trentino Alto Adige i partecipanti alla biciclettata inaugurale del nuovo tratto ciclopedonale Waldheim-Passo Mendola. Un percorso di circa 5 km con tante soste panoramiche e poi il taglio del nastro in località Waldheim, alla presenza del presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti e di numerose autorità locali, fra cui tanti sindaci della zona, il presidente della Comunità della Val di Non Silvano Dominici, il presidente dell'Apt Lorenzo Paoli, il presidente dell'Associazione Artigiani territoriale Massimo Zadra e i tecnici dell'Ufficio Infrastrutture Ciclopedonali della Provincia, con il responsabile Marcello Pallaoro. In rappresentanza del Consiglio provinciale ha partecipato Lorenzo Ossanna. L'opera, realizzata dal Servizio Opere Stradali e Ferroviarie della Provincia Autonoma di Trento, su progetto di Sergio Deromedis e Francesco Weber, si inserisce nel più ampio progetto della ciclopedonale che collegherà l?abitato di Fondo con quelli di Malosco, Ronzone, Ruffrè e Mendola, per una lunghezza di quasi 16 chilometri. Il progetto finale prevede tratti promiscui urbani lunghi 5,4 chilometri, tratti promiscui extraurbani per 0,9 chilometri e tratti di piste ciclopedonali larghe 2,7 metri, per un?estensione di circa 9,5 chilometri. "Questa importante opera, a cui tutti avete collaborato, attraversa un territorio bellissimo e porta con sé valori come ambiente, sostenibilità, utilizzo dei mezzi sportivi, salute, economia per il territorio, turismo", ha detto il presidente Fugatti. "C'è volontà da parte dei territori, delle amministrazioni comunali e dell'amministrazione provinciale di dare corso alla chiusura dell'anello ciclabile in un prossimo futuro: il riconoscimento va oggi a chi ci ha creduto. Noi ci crediamo", ha detto ancora il presidente sottolineando le potenzialità del progetto per "questa parte della Val di Non che ha delle bellisssime peculiarità" come ha ricordato in chiusura del suo saluto.
     
  • 29/07/2019
    Servizi socio-assistenziali, alle Comunità di valle oltre 270 milioni di euro nel triennio 2019-2021
    Nel prossimo triennio (2019 - 2021) le Comunità di valle potranno contare su oltre 270 milioni di euro per le attività socio assistenziali. La decisione è stata presa stamani dalla giunta provinciale che, su iniziativa dell?assessore provinciale alla salute e politiche sociali, Stefania Segnana, ha approvato la delibera che fissa il budget per tipologia di servizi e aree territoriali di competenza nel prossimo triennio. L?investimento annuo è stato fissato in circa 88,90 milioni di euro. Ad integrazione dello stanziamento, la giunta provinciale ha previsto nel giugno scorso un incremento di ulteriori 2,5 milioni di euro, così da garantire la medesima disponibilità degli anni precedenti. Secondo lo schema (vedi allegato), gli stanziamenti maggiori, considerato anche il numero di abitanti per area, andrà al territorio Val d?Adige (Trento) con 22 milioni annui, seguito da Vallagarina (Rovereto) con 13,80 milioni, e da Alto Garda e Ledro (Riva del Garda ed Arco), Alta Valsugana e Bernstol (Pergine) con oltre 7,60 milioni di euro.
     
  • 15/06/2019
    ?La qualità sarà il vero fattore di sviluppo della montagna?
    La qualità globale - dai servizi ai prodotti, dal territorio all?organizzazione della cosa pubblica - sarà il vero motore della prossima stagione di sviluppo della montagna. E? questa la parola chiave che attraversa temi e discussioni agli Stati generali della montagna di Comano Terme. Oggi il progetto partecipativo si è concluso con le sintesi finali, frutto di un?attività durata due mesi e che ha coinvolto oltre 300 tra stakeholder e portatori di interesse di 15 diversi territori. I protagonisti della giornata conclusiva sono stati i rappresentati dei gruppi di lavoro delle quattro macro aree - Governance, Accessibilità ai servizi Sviluppo economico e coesione sociale, Paesaggio ambiente e territorio - che hanno presentato la visione provinciale del Trentino futuro alla giunta provinciale, presente in sala, e ai delegati.
     
 
 
 
credits | note legali | Intranet | scrivi al gruppo web | Cookie Policy